appartamento 110 mq

richieste:

  • redistribuzione generale degli spazi
  • open space per la zona giorno con possibilità di schermare la cucina tramite porte scorrevoli
  • cabina armadio nella camera padronale
  • inserimento di vasca e doccia secondo richieste del cliente

 

planimetria ricevuta

planimetria consegnata

legenda

  1. consolle/appendiabiti
  2. pouf/penisola
  3. tavolo (estensibile)
  4. credenza/madia
  5. parete attrezzata tv
  6. porta a scomparsa 90cm
  7. porta a scomparsa 120cm
  8. tv (appesa)
  9. ripostiglio/lavatrice
  10. doccia 80x120cm
  11. mobile comodino/libreria
  12. vasca 140x140cm
  13. cabina armadio
  14. armadio a muro

 

PREMESSA

Come da indicazione abbiamo proposto una soluzione ottenuta limitando al minimo le opere murarie. L’impianto distributivo rimane sostanzialmente quello originario, ma eliminato la parte di corridoio in ingresso, si ottiene un living molto spazioso, in diretta comunicazione con la cucina. Zona giorno e zona notte sono ben separate; il bagno più vicino alla zona giorno è quello pensato anche per l’uso degli ospiti, che così non dovranno addentrarsi oltre nel disimpegno della zona notte.

Colori e finiture

Data la preferenza del cliente per un arredamento moderno con accompagnamento di qualche pezzo classico o antico, suggeriamo colori “neutri” (sfumature dei marrone e dei beige, sfumature dei grigi e dei tortora, bianco puro o avorio, crema, etc.) per tutti gli elementi fissi (pavimenti, rivestimenti, pareti e mobili principali), cui abbinare qualche elemento colorato per i particolari e i complementi d’arredo (tappeti, cuscini, etc.). Se preferite un’atmosfera “calda”, suggeriamo un pavimento sui toni del beige e pareti in bianco avorio (e soffitto bianco); se invece prediligete i colori “freddi”, proponiamo un pavimento sui toni del grigio e pareti in bianco puro o tortora (e soffitto bianco). Le stanze sono molto grandi, per cui si prestano a pavimenti con elementi di grande formato, come ad esempio un parquet o un grès in formato listoni; l’appartamento dovrebbe essere abbastanza luminoso, ma dato che la maggior parte delle aperture è costituita da finestre e non da porte- finestre, suggeriamo di evitare per il pavimento colori troppo scuri, che “assorbono” tutta la luce e vi costringerebbero a scegliere solo colori chiari per l’arredamento. Per finestre, porte-finestre e porte interne (sempre che non recuperiate quelle esistenti) suggeriamo il bianco.

Illuminazione

Per quanto riguarda l’illuminazione, lo studio dei punti luce va fatto necessariamente in funzione dell’arredo e dello stile, ma possiamo comunque dare di seguito qualche suggerimento zona per zona.

Riscaldamento/raffrescamento

Per quanto riguarda gli impianti di riscaldamento e raffrescamento, lo studio andrà fatto necessariamente da un termo-tecnico che dovrà dimensionare gli elementi e valutare sul posto alcuni aspetti tecnici. Per realizzare un impianto di riscaldamento di tipo tradizionale (con radiatori, ventil-convettori o simili), sarebbe bene posizionare gli elementi riscaldanti sempre vicino a finestre e porte-finestre (pareti più fredde), realizzando i collegamenti impiantistici a pavimento e/o a parete. In alternativa si potrebbe valutare un impianto di climatizzazione canalizzato, che faccia allo stesso tempo da raffreddamento e da riscaldamento: il disimpegno potrebbe essere ribassato con un controsoffitto in cartongesso, nel quale alloggiare le macchine e le canalizzazioni che distribuiscono l’aria nelle varie stanze attraverso piccole griglie; in questo modo si può evitare di avere elementi a vista come gli split.

Ingresso

L’ingresso non è un ambiente a sé, ma si “fonde” con il soggiorno: pur eliminato le pareti del vecchio corridoio, il percorso tra la porta d’ingresso e quella del disimpegno rimane, delimitato a sinistra dall’angolo del divano e a destra dalla parete della cucina. La parete a destra della porta è arredata con una composizione di elementi (alcuni chiusi, altri a giorno): appendi-abiti, consolle, specchio, etc.; poiché l’ingresso è parte integrante del soggiorno, lo stile e i colori dell’arredo dovranno accompagnarsi al contesto.

Illuminazione: punto luce a parete o da appoggio su consolle, per avere un’illuminazione “puntuale” in prossimità dell’ingresso senza dover illuminare tutto il soggiorno.

Soggiorno e zona pranzo

Soggiorno e zona pranzo sono stati sistemati a sinistra della porta d’ingresso, sia per utilizzare gli attacchi cucina esistenti, sia per lasciare al soggiorno l’accesso al balconcino. Sono state inserite le porte a scomparsa come indicato (da 90cm tra soggiorno e disimpegno e da 120cm tra soggiorno e cucina): il grande doppio scorrevole tra soggiorno e cucina, quando aperto, ricrea l’ambiente unico.

Il divano è disposto in modo tale da delimitare il percorso tra la porta d’ingresso e il disimpegno; il tavolo da pranzo (immaginato estensibile, per essere allungato solo all’occorrenza) è in piena luce vicino alla porta-finestra, in posizione un po’ “defilata” per non interferire tra divano e tv. Divano e tv sono stati posizionati come da sua indicazione: il divano è un po’ lontano dalla tv, ma scegliendo un modello abbastanza grande (tipo 50 o più pollici) il problema è risolvibile. Anziché un divano ad angolo “fisso” suggeriamo un modello scomponibile o con pouf a penisola (comodo da spostare quando sia necessario allungare il tavolo). La parete tra il soggiorno e il bagno è stata ingrossata: in questo modo si potrà inserire la cassa della porta a scomparsa nel nuovo spessore senza ulteriori demolizioni o problemi di impianti; l’aumentato spessore sarà utile anche per evitare di sentire dal soggiorno i rumori provenienti dal bagno. L’ampia parete tv può essere arredata con una composizione libera di vari elementi (mobile tv, libreria, credenza o madia, ripiani, etc.) e, se fosse possibile realizzare una canna fumaria, sarebbe ideale anche per un caminetto.

Colori e finiture: rivestimento a mattoncini dipinti (in tonalità uguale o simile a quella delle altre pareti) o in pietra chiara sulla parete della tv per darle massimo risalto (è quella maggiormente “guardata” e visibile anche dalla porta d’ingresso); in alternativa al rivestimento, la parete può essere messa in risalto anche con il solo colore, utilizzando una tonalità più scura o creando un effetto “materico” con una diversa finitura della superficie (spatolatura, spugnatura, etc.).

Illuminazione: la luce deve essere differenziata (soffusa e ad intensità regolabile per guardare la tv, più intensa quando si sta a tavola, etc.); lampada ad arco nell’angolo tra divano e porta-finestra, 2 punti luce a parete e/o da appoggio lungo la parete attrezzata tv.

Cucina

E’ stata arredata con uno sviluppo ad angolo sulle due pareti libere; il tavolo è accostato alla parete per non intralciare il passaggio e per non risultare visibile dal soggiorno; gli attacchi cucina sono stati lasciati nella stessa posizione per avere il piano cottura più vicino alla portafinestra.

Colori e finiture: pavimenti e colori devono riprendere necessariamente quelli del soggiorno; il rivestimento sulle due pareti attrezzate può essere evitato, utilizzando un top con un’alzata accentuata (che ripiega a 90° sulla parete) o specifici pannelli.

Illuminazione: strisce led sopra e sotto i pensili dell’angolo cucina, lampada a sospensione sopra il tavolo.

Disimpegno

E’ abbastanza largo per poter essere “arredato” con un’angoliera, cassettoni, scarpiera, etc.

Colori e finiture: se il pavimento della zona notte verrà scelto diverso da quello della zona

giorno, il pavimento del disimpegno dovrà essere lo stesso della zona notte; poiché si tratta di un corridoio “cieco”, il colore delle pareti dovrà essere chiaro; dato che è molto lungo, la “monotonia” può essere spezzata, utilizzando una tonalità un po’ più scura per la sola parete in corrispondenza del bagno con vasca, visibile frontalmente quando si percorre il disimpegno accedendovi dal soggiorno.

Illuminazione: se controsoffittato per esigenze impiantistiche, il disimpegno può essere illuminato con una serie di faretti incassati che accompagnino il percorso o con strisce led, sempre ad incasso, nel cartongesso.

Bagno con doccia e antibagno/lavanderia

Per l’alloggiamento di lavatrice e asciugatrice è stato ricavato un piccolo antibagno con una nicchia, attrezzabile come spazio lavanderia/ripostiglio, che può essere chiusa con ante a misura, dato che questo sarà il servizio per gli ospiti. I due sanitari sono stati posizionati in modo tale da risultare un po’ schermati dalla doccia, lasciando la parete più ampia al lavabo.

Colori e finiture: poiché gli spazi sono ristretti, si consiglia un rivestimento da posare basso (100/120 cm, a seconda del formato del rivestimento scelto) ad eccezione ovviamente dell’angolo doccia.

Illuminazione: punto luce a soffitto e a specchio nel bagno; nell’antibagno è meglio che il punto luce sia a parete per non intralciare l’apertura di eventuali ante a soffitto per il mobile lavanderia.

Camera singola

E’ stata arredata come camera singola da adulto (letto 90x200cm); la testata del letto è accostata ad un mobile libreria che fa anche da appoggio per la luce da comodino.

Colori e finiture: i colori e le finiture delle camere da letto sono sempre molto soggettivi e dipendono molto anche dall’età e dal sesso di chi le usa, per cui in questi casi lasciamo libera iniziativa, suggerendo a chi ama il colore di scegliere tra le tonalità pastello; data la posizione del letto accostato alla parete, suggeriamo una boiserie bassa sulle pareti nell’angolo del letto.

Illuminazione: dato che l’utilizzo della stanza potrebbe variare nel tempo, consigliamo di predisporre sia un punto luce a soffitto, che 1 o 2 punti a parete.

Bagno con vasca

Water e bidet sono stati mantenuti nella stessa posizione; la vasca è un modello ad angolo, scenografica da vedere di fronte alla porta.

Colori e finiture: il bagno è molto grande e si presta anche all’utilizzo di rivestimenti a tutta parete e/o con decori.

Illuminazione: punto luce a soffitto e a specchio.

Camera doppia

La stanza è a tutti gli effetti una camera doppia (superficie superiore a 14,00mq) ed è stata arredata come camera per bambini a due letti con armadio “a ponte”.

Colori e finiture: anche in questo caso, trattandosi di una camera per bambini (e in futuro per ragazzi), potranno essere utilizzati i colori preferiti per le pareti; per un “tocco” di colore in più si può pensare ad una carta da parati o da posare bassa su tutte le pareti o da utilizzare a tutta altezza sulla sola parete delle scrivanie.

Illuminazione: dato che l’utilizzo della stanza potrebbe variare nel tempo, consigliamo di predisporre sia un punto luce a soffitto, che 1 o 2 punti a parete.

Camera padronale

Per garantire più privacy alla stanza, abbiamo spostato la porta d’accesso; le grandi dimensioni della camera consentono di realizzare anche una cabina armadio, che può essere realizzata sia in muratura o cartongesso, che con divisori d’arredo: proponiamo qui una cabina ad angolo in continuità con un armadio a muro che arriva a soffitto.

Colori e finiture: anche in questo caso, consigliamo eventualmente colori pastello, da coordinare con una carta da parati ad “effetto tessuto” sulla parete dietro la testiera del letto.

Illuminazione: in camera 2 punti luce sulla parete del letto; nella cabina armadio punti luce a parete e/o faretti a soffitto o integrati negli elementi d’arredo.

La consulenza è stata sviluppata a partire da materiale grafico e informazioni fornite dal cliente e per questo la situazione rappresentata negli elaborati potrebbe risultare non del tutto corrispondente allo stato dei luoghi. Lo scopo della consulenza online è fornire al cliente un’idea base di partenza da sviluppare successivamente in sede di progettazione e direzione lavori.

I nostri clienti dicono...

Abbiamo fatto consulenze on line per ItaliaPrincipato di MonacoFrancia, BelgioLussemburgoGermania e Svizzera.  Leggi le ultime recensioni pubblicate su Google da alcuni clienti.

Contattaci per un preventivo senza impegno