appartamento 76 mq

la richiesta principale è ricavare 2 appartamenti bilocali a partire da un appartamento unico

    planimetria ricevuta

    planimetria arredata CASO 1

    legenda

    1. libreria
    2. tavolo 80x130cm
    3. colonna frigorifero
    4. piano cottura
    5. lavastoviglie
    6. lavabo
    7. tv
    8. lavatrice/asciugatrice
    9. doccia 70x90cm
    10. cabina armadio
    11. armadio

    Premessa

    Come da sua indicazione, abbiamo sviluppato la consulenza ridisegnando completamente gli spazi al fine di valutare la possibilità di ricavare due unità immobiliari (bi-locali).

    L’appartamento esistente presenta una forma articolata e questo comporta qualche “difficoltà” nell’impianto distributivo delle due nuove unità. Gli spazi che se ne ricavano sono ridotti, ma funzionali; le camere non sono vere camere doppie (perché hanno superficie < 14,00mq), ma sono comunque arredabili con letti a due piazze. Nella suddivisione dei nuovi spazi abbiamo valutato di:

    • ricavare due appartamenti di dimensioni simili
    • mantenere i nuovi bagni nelle stesse posizioni dei bagni esistenti (per evitare la realizzazione di bagni “ciechi”)
    • garantire alla zona giorno di ciascun appartamento l’affaccio su uno dei balconi.

    Chiaramente la fattibilità tecnica, statica e le normative edilizie dell’intervento proposto (in particolare in merito alla possibilità di ricavare una nuova unità immobiliare in questo edificio e le specifiche indicazioni su superfici/dimensioni delle stanze e rapporti aero-illuminanti), dovranno essere valutate e sviluppate dal progettista che potrà confrontarsi con l’ufficio tecnico comunale e che seguirà i lavori in loco.

    Ingresso comune

    Non potendo valutare la possibilità di aprire una nuova porta nell’attuale vano scala condominiale (perché questa possibilità potrebbe non essere concessa, oppure la cosa potrebbe non essere possibile per la presenza di pilastri e/o il passaggio di tubature o altro), abbiamo valutato di eliminare la porta dell’attuale appartamento di creare una piccola zona d’ingresso comune ai due nuovi appartamenti.

    CASO 1

    UNITA’ A

    Soggiorno Pranzo Cucina

    La zona giorno è stata ricavata nella porzione di appartamento con affaccio sul balcone.

    Disimpegno

    Poiché questo spazio ha anche funzione di antibagno, abbiamo creato una nicchia ad uso ripostiglio, in cui poter disporre in colonna lavatrice e asciugatrice.

    Bagno

    E’ stato mantenuto in corrispondenza di uno dei due bagni esistenti per sfruttarne la colonna di scarico e la finestra; per ottimizzarne gli spazi, suggeriamo una porta a scrigno.

    Camera

    Le dimensioni sono ridotte allo stretto necessario, ma lo spazio è sufficiente per un letto a due piazze e una cabina armadio.

    UNITA’ B

    Soggiorno Pranzo Cucina

    Anche in questo caso, abbiamo fatto in modo di ricavare la zona giorno nella porzione di appartamento con affaccio sul balcone. Nella zona ingresso c’è spazio per un armadio a muro ad uso ripostiglio.

    Antibagno

    Nell’antibagno abbiamo ricavata una nicchia in cui poter disporre in colonna lavatrice e asciugatrice.

    Bagno

    E’ stato mantenuto in corrispondenza dell’altro bagno esistente per sfruttarne la colonna di scarico e la finestra; per ottimizzarne gli spazi, suggeriamo anche qui una porta a scrigno.

    Camera

    Le dimensioni sono ridotte allo stretto necessario, ma lo spazio è sufficiente per un letto a due piazze, un armadio e una cassettiera.

    CASO 2

    Nell’ipotesi alternativa, come da sua richiesta, abbiamo ricavato un piccolo ripostiglio per ciascun appartamento.

    planimetria arredata CASO 2

    legenda

    1. libreria
    2. tavolo 80x130cm
    3. colonna frigorifero
    4. piano cottura
    5. lavastoviglie
    6. lavabo
    7. tv
    8. lavatrice/asciugatrice
    9. doccia 70x90cm
    10. cabina armadio
    11. ripostiglio

    planimetria quotata CASO 1

    planimetria quotata CASO 2

    La consulenza è stata sviluppata a partire da materiale grafico e informazioni fornite dal cliente e per questo la situazione rappresentata negli elaborati potrebbe risultare non del tutto corrispondente allo stato dei luoghi. Lo scopo della consulenza online è fornire al cliente un’idea base di partenza da sviluppare successivamente in sede di progettazione e direzione lavori.