arredamento low cost

L’ arredamento low cost: non è solo questione di crisi economicail low cost è una “filosofia di vita”.

  • Quando i nostri nonni “mettevano su” casa, compravano mobili che li avrebbero accompagnati PER TUTTA LA VITA.
  • Oggi che siamo un po’ più precari, acquistiamo mobili che ci accompagneranno, MA SOLO PER UN PO’: chissà quante volte cambieremo casa, o lavoro, o semplicemente quante volte cambierà la moda?

Se non puoi (o non vuoi) spendere troppo, ecco alcune “dritte” per orientarsi nel mondo del low cost:

  1. l’arredamento low cost non è necessariamente sinonimo di bassa qualità, ma negli arredi troppo elaborati le finiture possono essere un punto debole; per cui, ad esempio nella scelta di un divano economico, è meglio privilegiare forme semplici e colori neutri … basteranno cuscini buffi e colorati a renderlo interessante!
  2. armati di tanta pazienza e inizia dagli arredi indispensabili come la cucina, senza risparmiare troppo sulla qualità dei materiali (devono durare!); col tempo potrai sbizzarrirti nell’acquisto dei complementi d’arredo, questi sì anche a basso costo, magari aspettando di scovare l’occasione giusta!
  3. gli elementi di contorno fanno la differenza: il letto non è un granché? Prova a dare un colore acceso alla parete che gli sta dietro; l’armadio è un po’ anonimo? Mettigli maniglie originali e lo renderai particolarissimo (e unico!);
  4. il riciclo di arredamento aiuta il portafoglio e stimola la fantasia: il top del low cost è recuperare a nuova vita qualche pezzo ereditato dalla nonna o dall’inquilino precedente, basterà valorizzarlo nel contesto giusto (vedi punto 3);
  5. l’acquisto online è comodo ed economicamente vantaggioso, ma alcuni oggetti andrebbero visionati direttamente: una sedia va in qualche modo “provata” prima … poi magari la ordinerai online

Buoni acquisti 🙂

Potrebbero esserti utili questi 2 articoli:

  1. Ikea: 3 consigli per gli acquisti.
  2. Riciclo di arredamento.