arredare piccolo appartamento
Arredare un piccolo appartamento è un dato di fatto perché gli appartamenti moderni sono sempre più piccoli: il progressivo aumento dei costi ne ha infatti limitato le dimensioni. Ciò che invece ha visto una crescita esponenziale (che poco si sposa con le metrature ridotte) è il numero di richieste ed esigenze di chi compra casa. E’ da notare che queste necessità quasi sempre non sono legate a un nucleo famigliare numeroso, anzi si potrebbe dire che:

il numero di esigenze è inversamente proporzionale al numero di componenti della famiglia

Ecco in ordine le tre richieste principali che viaggiano quasi sempre a braccetto:

  1. cucina con isola (o penisola);
  2. zona giorno open space;
  3. camera padronale con cabina armadio.

Ecco cosa invece viene spesso trascurato:

  • le dimensioni delle altre camere (specie se i clienti sono giovani coppie che ancora non pensano ad “allargare” la famiglia);
  • i locali accessori come ripostiglio o lavanderia.

Progettare correttamente gli interni di un appartamento e trovare lo spazio giusto per ogni esigenza non è questione da poco, anche perché non sempre ci può stare tutto!

Quello che consigliamo a chi vuole arredare un piccolo appartamento è:

  • innanzitutto valutare quali sono le esigenze attuali;
  • pensare poi eventualmente anche alle necessità future (per non doversi pentire quando è troppo tardi);
  • darsi delle priorità, cioè stabilire le esigenze in ordine di importanza; ad esempio: se lo spazio non è sufficiente per una camera con cabina armadio, non rimpicciolire troppo la cameretta per ricavarci il tuo super guardaroba, perché potresti renderla inadeguata per l’utilizzo futuro.

E il monolocale? A volte è così piccolo che non si riesce nemmeno con l’arredamento a separare zona notte da zona giorno. Un trucco? Le zone si possono delimitare virtualmente dipingendo una parete con un colore diverso o usando carta da parati ad effetto materico (per esempio simil-pelle o legno).
E’ pura illusione ottica, ma funziona 🙂