Seleziona una pagina
persone felici all'ultimo piano in condominio

Da quando esiste l’ascensore, 

l’ultimo piano è il top: massima indipendenza, panorama e soprattutto nessun vicino sopra la testa. Vivere all’ultimo piano di un condominio può avere vantaggi e svantaggi ed ecco una breve disamina dei pro e contro.

Abitare all’ultimo piano: PRO

Vista migliore

Vivere all’ultimo piano offre spesso una vista migliore rispetto agli altri piani inferiori dell’edificio. Essendo più in alto, c’è maggior possibilità di avere una prospettiva più ampia del contesto circostante, che può essere ad esempio un paesaggio naturale, lo skyline della città, etc.

Non solo panorami ma anche minor visione delle attività stradali 😉

Privacy

Senza dubbio un appartamento all’ultimo piano gode di maggior privacy rispetto ai piani inferiori: meno sguardi indiscreti, più riservatezza, data la lontananza dalla strada e dalle parti comuni del condominio e la possibilità di essere meno visto se esci in balcone o se ti affacci a una finestra.

Luce naturale

Un appartamento all’ultimo piano gode di maggior luce naturale, così i tuoi ambnienti saranno più luminosi e piacevoli.

Meno rumori esterni

Essendo più distante dal livello della strada, avrai meno disturbo dai rumori stradali, come il traffico, i clacson, le sirene, il vocio delle persone, il disturbo delle attività commerciali come i bar, gli schiamazzi notturni, etc.

Percepirai meno i rumori delle persone che salgono e scendono le scale, dato che non ci sono piani abitati sopra al tuo.

No rumore da calpestio

Non essendoci inquilini sopra di te, non sentirai i rumori di passi, delle corse dei bambini e dei cani che zampettano: in parole povere non sentirai i rumori derivanti da attività legate al pavimento sopra di te (che non c’è) e le fastidiose cadute di oggetti, come i telecomandi della tv e gli smartphone utilizzati come torcie di notte e che spesso cadono. Come non citare l’aspirapolvere 😉

Attenzione però, perchè potresti sentire i rumori provenienti anche da altri inquilini confinanti o ai piani inferiori: te lo spieghiamo qui.

Nessuno ti sbatte i tappeti sopra

Nessuno sbatte tappeti, tovaglie, lenzuola e piumini per pulire, da balconi o da finestre di appartamenti superiori! Meno briciole, peli e polvere altrui.

Caldaia autonoma

Nel caso di un sitema di riscaldamento centralizzato o di altre situazioni di riscaldamento per le quali non entriamo nel dettaglio, abitare all’ultimo piano potrebbe offrire il vantaggio di installare una caldaia autonoma solo per il tuo appartamento, indipendente dunque dal resto del condominio;  questo è dovuto al fatto che potrebbe esserci un accesso diretto ad un sistema di scarico adeguato e indipendente dei fumi di combustione per la caldaia.

Se tutto ciò è fattibile potrai gestire autonomamente il riscaldamento e la produzione di acqua calda sanitaria.

Quanto appena detto, vale anche per elementi simili, come una stufa a pellet o un caminetto.

Antenna parabolica

Se hai bisogno di installare una parabola sul tetto e se il condominio lo concede, essere all’ultimo piano semplifica il processo di installazione, senza “cavi volanti” sulle facciate del condominio.

Più sicurezza

C’è più sicurezza rispetto ai piani inferiori dell’edificio; trattandosi dell’ultimo piano è più difficile entrare nella tua unità abitativa e potresti tenere aperte le finestre con più tranquillità.

Abitare all’ultimo piano: CONTRO

Temperature esterne

Durante i mesi estivi, potresti riscontrare temperature più elevate perchè l’ultimo piano è più esposto al sole e dunque più caldo rispetto ai piani inferiori: ciò significa maggiori costi per raffrescamento.

Durante i mesi invernali viceversa,  potresti riscontrare temperature più basse, dato che c’è più dispersione del calore: ciò significa maggiori costi di riscaldamento.

Difficoltà nell'accesso:

Vivere all’ultimo piano richiede più tempo per raggiungere il tuo appartamento  in condomini con un elevato numero di piani. A titolo d’esempio, in un condominio nemmeno tanto alto, di 5 piani, a volte attendere l’ascensore occupato e poi e percorrere il tragitto, porta vià un po’ di tempo.

Se non c’è l’ascensore o se è fuori servizio, dovrai fare le scale e fare un certo sforzo fisico, specie se devi portare la spesa e oggetti pesanti. Se poi hai problemi di mobilità o devi ospitare qualcuno che ne ha, le conseguenze sono ovvie.

Infiltrazioni d'acqua dal tetto

All’ultimo piano c’è un possibile rischio di infiltrazioni dal tetto (tetto piano o a falda): le guaine impermeabilizzanti, se posate male o semplicemente deteriorate, possono causare infiltrazioni.

Macchinari condominiali

Potrebbero esserci macchinari e impianti posizionati sul tetto che generano rumore e vibrazioni, come unità di condizionamento centralizzate, ventole, etc.

Dal locale tecnico dell’ascensore (che contiene le apparecchiature e i meccanismi necessari per il funzionamento dell’ascensore),  è possibile percepire un certo livello di rumore durante il funzionamento dell’ascensore, soprattutto se l’appartamento si trova nelle vicinanze.

Terrazze condominiali e soffitte individuali

Ma come? Non era un appartamento all’ultimo piano?

In alcuni edifici ci sono terrazze condominiali sopra l’ultimo piano; queste potrebbero essere fonte di disturbo in base alle abitudini e a quanto concesso a livello condominiale, basti pensare al fastidio del via vai di persone che stendono i panni.

Nel caso all’ultimo piano ci siano soffitte private o condominiali (in  questo caso con spazi condivisi), l’equivalente delle classiche cantine all’interrato e che offrono un prezioso spazio di archiviazione privato (bagagli, attrezzi, mobili, cianfrusaglie, etc.), se qualcuno accede e sposta gli oggetti in questi ambienti (poco isolati acusticamente) perderai il vantaggio di essere all’ultimo piano perché può esserci sempre qualcuno sopra di te ad ogni ora del giorno.

Servitù di passaggio al tetto

Accertati se esista una servitù di passaggio per consentire ai manutentori di andare sul tetto. In vari condomini infatti gli unici sbocchi per andare sul tetto sono ad esempio i lucernari o le terrazze private, passando dunque dalle abitazioni private.

Spesso si rendono necessarie manutenzioni e l’esempio più classico è quello dell”antennista che deve regolare l’antenna televisiva condominiale. L’amministratore dovrà dunque concordare con te giorno e orario in cui permettere l’accesso: una bella scocciatura.

In conclusione, come in ogni scelta nella vita, la scelta di abitare all’uiltimo piano richiede una valutazione equilibrata dei pro e dei contro tenendo conto dei propri bisogni, preferenze e possibilità economiche.

È importante essere consapevoli che vivere all’ultimo piano potrebbe essere considerato una scelta di prestigio e comportare un costo aggiuntivo rispetto ad altre unità abitative dell’edificio.

Leggi i PRO e i CONTRO di: