Cucina con isola penisola living illuminazione adatta

Se un tempo il “soggiorno con angolo cottura” era una necessità dovuta a carenza di spazi, oggi la scelta di una cucina che si “apra” alla zona living, corrisponde al modo contemporaneo di vivere gli spazi, che privilegia ambienti grandi e multifunzionali.
Anche se l’ambiente è unico, gli spazi possono essere suddivisi per funzione: la cucina con isola e la penisola sono ideali per suddividere la zona operativa della cucina dal living, favoriscono la convivialità (è piacevole cucinare rivolti verso il soggiorno!), fanno da contenitore e da bancone dove all’occorrenza si può anche mangiare.

Per isole con piano cottura e lavabo sono necessari gli allacciamenti di acqua e gas (a meno di piano ad induzione), lo scarico e le prese per gli elettrodomestici; il tutto da prevedere a pavimento in corrispondenza dell’isola durante i lavori di costruzione o ristrutturazione.

Ma l’aspetto impiantistico non finisce qui: per un risultato soddisfacente, non va trascurato il progetto illuminotecnico, che andrebbe studiato INSIEME ALL’ARREDAMENTO: troppo spesso si vedono belle soluzioni d’arredo, penalizzate dalla scelta casuale dei punti luce. Differenziare il tipo di illuminazione per zone, sarà utile anche alla suddivisione funzionale degli spazi.

Ecco alcuni consigli:

  • tutto l’ambiente ha bisogno di luce diffusa, diretta o indiretta, che illumini efficacemente tutta la stanza, effetto che si può ottenere per esempio con punti luce a parete e/o a soffitto ben distribuiti;
  • i piani di lavoro della cucina devono essere ben illuminati, per esempio con punti luce sottopensile e nella cappa;
  • l’isola ha bisogno della “sua” illuminazione, che si può ottenere con elementi in sospensione (consigliati soprattutto se l’isola fa anche da bancone) o con faretti incassati nel caso di ribassamenti in cartongesso o simili;
  • sopra il tavolo da pranzo sono indicate le lampade a sospensione (purché centrate “esattamente” sul tavolo!);
  • per la zona conversazione/divani sono indicate le lampade da terra o da tavolo (preferibilmente ad intensità regolabile).

Buon lavoro o conversazione 😉

A proposito: hai un punto luce decentrato? Spesso può nascere una bella soluzione!